RC professionale geometri: il 22% non ha ancora stipulato la polizza

RC professionale geometri: il 22% non ha ancora stipulato la polizza

Il 98% dei geometri è a conoscenza dell’obbligo di stipulare la relativa polizza RC professionale, ma, curiosamente, il 22% non ha l'ancora stipulata. È quanto emerso da un'indagine di Agefis, l'Associazione dei Geometri Fiscalisti, sul livello di copertura e conoscenza riguardo l’obbligo per i geometri liberi professionisti di sottoscrivere l'assicurazione di responsabilità civile (vincolo ormai esteso a tutte le categorie professionali, esclusi i giornalisti: dal prossimo ottobre diventerà infatti obbligatoria anche la RC professionale avvocati).

Il 70% dei geometri che ha partecipato all'indagine ha risposto che l'elemento a cui viene data la maggiore importanza al momento della scelta della polizza è la tipologia dei rischi coperti, mentre un buon 46% ha dichiarato di essere in possesso di una polizza di tutela legale a copertura dei pericoli derivanti dalla propria attività, anche se questa tipologia non è obbligatoria (ma sicuramente utile).

Rimane quel 22% che non ha ancora sottoscritto la polizza obbligatoria, una cifra intollerabile visto che sono passati ormai quattro anni dall'introduzione della norma. Ma perché così tanti geometri non hanno ancora stipulato la RC professionale? La prima ragione è che il premio viene considerato troppo costoso dal 42% del campione. Inoltre secondo il 17% c’è poca chiarezza sulle clausole contrattuali e l 37%, lamenta scarsa conoscenza dei contenuti delle polizze offerte dal mercato.

Eppure l'assicurazione obbligatoria per i geometri è uno strumento al servizio del professionista e a tutela del suo patrimonio personale, anche se talvolta viene vista come l'ennesima inutile spesa. Il desiderio di sentirsi sicuri e protetti dalla polizza c’è, ma spesso non ci sono gli strumenti per capire le tutele garantite, anche perché le attività svolte dai geometri sono ormai tantissime.

“Per questo”, sostiene Mirco Mion, presidente di Agefis, “è necessario che si instauri un rapporto umano e fiduciario tra l'assicurato e un consulente. La polizza RC professionale è infatti un prodotto assicurativo complesso: ogni professionista ha esigenze particolari e preoccupazioni uniche, e solo attraverso il confronto diretto e continuativo con un consulente dedicato potrà sentirsi realmente al  sicuro”.

ù