Assicurazione moto: i centauri italiani soddisfatti delle tariffe

Assicurazione moto: i centauri italiani soddisfatti delle tariffe

I motociclisti italiani sono abbastanza soddisfatti delle tariffe dell'assicurazione moto, preferiscono ancora affidarsi alle agenzie tradizionali, non rinuncerebbero mai ad alcune coperture aggiuntive ritenute essenziali, ma a sorpresa, guardano ancora con diffidenza alla scatola nera, nonostante la possibilità di ottenere ulteriori sconti sui costi della RC moto. È quanto emerso da un sondaggio sull'assicurazione per i mezzi a due ruote a cui hanno risposto centauri residenti in ogni parte d'Italia.

L'indagine, promossa dal portale motociclismo.it, ha dunque rilevato che le tariffe dell'assicurazione obbligatoria non sono poi così male, dato che sono state approvate da una maggioranza (52,4%, di cui il 39,1% le ha definite accettabili e il 12,3% addirittura convenienti) non larghissima ma comunque evidente, contro il 48,6% che ritiene il costo della RC moto ancora eccessivo.

Come dicevamo, per il momento i motociclisti preferiscono ancora le compagnie assicurative tradizionali (64,5%) nei confronti di quelle telefoniche e online (9,2%), perché il contatto diretto con il proprio assicuratore trasmette ancora maggior fiducia. A conferma di questo dato il 58,6% ha stipulato la propria polizza con un'agenzia fisica e solo il 37,9% si è affidato a una compagnia virtuale, mentre il prezzo (con il 38,6%) rimane il maggior criterio con cui scegliere la propria compagnia, ancor prima delle qualità delle garanzie offerte.

Gli intervistati hanno poi risposto che potrebbero tranquillamente fare a meno di servizi ritenuti futili come sconti o convenzioni per servizi prodotti (52.6%) e omaggi e gadget (21,4%), ma non rinuncerebbero mai a polizze aggiuntive ritenute (a ragione) molto importanti come la protezione in caso di infortunio al conducente (ci rinuncerebbe solo il 3.3%), la tutela legale (3,6%), il soccorso stradale (5,1%) e la copertura furto e incendio (14%).

Infine il capitolo scatola nera: una larga maggioranza ha ammesso senza troppi giri di parole che non installerebbe mai la scatola nera sulla propria moto (a meno che un giorno non diventi obbligatoria), anche se ciò comportasse una diminuzione delle tariffe RC moto. Soltanto un motociclista su tre monterebbe la black box, ma solo in cambio di uno sconto superiore ai 100 euro all'anno.

ù